contenitori-di-plastica-per-alimenti

Pensate che la vostra casa sia il posto più sicuro in cui possiate stare? Beh, in realtà vi sbagliate, perché anche in un contesto domestico ci sono un sacco di pericoli con cui si può avere a che fare. Oggetti che siete abituati ad utilizzare tutti i giorni e che si rivelano più nocivi di quel che possiate immaginare: meglio conoscerli e riconoscerli, così che possiate regolarvi e sapere come comportarvi. Quali sono quindi, i pericoli che si nascondono tra le mura di casa? Quali, in altre parole, gli oggetti di cui sarebbe meglio fare a meno?

1. I contenitori di plastica sono presenti praticamente in qualunque abitazione, sia per la comodità che garantiscono che per la loro versatilità: insomma, si prestano agli impieghi più vari. Farne a meno è quasi impossibile, ma è comunque consigliabile verificare con quali materiali sono realizzati. Ciò è vero in particolar modo se si è in presenza di contenitori non recenti: nel caso in cui riportino la sigla PC, sarebbe preferibile buttarli nella spazzatura. PC, infatti, è l’acronimo di policarbonato, una sostanza che è in grado di produrre dei fumi tossici nel momento in cui è sottoposta ad alte temperature. Particolare attenzione va prestata, pertanto, ai contenitori per gli alimenti.

deodoranti-per-ambienti

2. Anche i deodoranti per gli ambienti sono meno innocui di quel che si immagini: è vero che consentono di beneficiare di un’abitazione sempre profumata, ma nella maggior parte dei casi contengono delle sostanze molto pericolose, gli ftalati. In ogni circostanza in cui è possibile farlo, dunque, meglio dire addio a questi deodoranti e ricorrere a quelli naturali.

sapone-antibatterico-triclosan

3. E che dire del sapone antibatterico? In teoria dovrebbe contribuire alla vostra salute, ma in realtà contiene un principio attivo, che ha il nome di triclosan, che a volte può favorire la proliferazione di batteri capaci di resistere agli antibiotici.

contenitore-per-lenti-a-contatto

4. Perfino le lenti a contatto nascondono delle insidie: o, meglio, ad essere pericolosi sono i contenitori in cui vengono conservate, che devono essere sostituiti con regolarità. Ogni tanto, è bene buttare i contenitori vecchi e usarne di nuovi, per evitare il proliferare di batteri.

 make-up

5. Passando al make up, il discorso è lo stesso: le confezioni che sono aperte da più di tre mesi dovrebbero essere buttate nella pattumiera, anche se non sono ancora state usate del tutto, per non dover fare i conti con infezioni sgradevoli sulla pelle.

spazzolini-da-denti

6. Sempre in bagno, lo spazzolino da denti va cambiato di frequente: per questo motivo è meglio segnarsi da qualche parte la data e il giorno in cui si comincia ad usarne uno nuovo, per sapere quando sostituirlo (almeno una volta ogni due mesi).

 scarpe-da-corsa-vecchie

7. Tra gli oggetti che si è abituati a tenere in casa e che, invece, dovrebbero finire nella spazzatura ci sono anche le scarpe da corsa e le scarpe da tennis vecchie. Con il passare degli anni, infatti, queste calzature si adattano alla perfezione alla forma dei piedi, ma – d’altro canto – perdono quasi tutto il loro potere ammortizzante, il che vuol dire che rischiano di causare dolori e microtraumi alla spina dorsale.

solari-scaduti

8. Finita l’estate, le creme solari devono essere buttate, anche se non sono ancora finite e anche se sono di marca: non durano, infatti, più di un anno, in quanto perdono la loro capacità di proteggere la pelle con il passare del tempo, dimostrandosi poco efficaci o addirittura dannose.

margarina

9. Infine, l’ultimo pericolo che si nasconde nelle case di molti è la margarina, un grasso vegetale che è molto più nocivo rispetto al grasso animale equivalente, cioè il burro: la colpa è dei grassi contenuti nella margarina, che sono responsabili della comparsa di diverse patologie del cuore e del sistema cardiovascolare.