colluttorio-piedi

Il colluttorio è uno dei prodotti fondamentali per prendersi cura in maniera adeguata della salute della bocca e del cavo orale in generale. Previene l’insorgenza di gengiviti e aiuta a combattere in maniera attiva la comparsa di carie e tartaro. I benefici di un utilizzo regolare del colluttorio sono noti a tutti ma non sono così note gli altri suoi otto modi di utilizzo tanto alternativi quanto efficaci. Vediamo assieme quali sono questi utilizzi originali del colluttorio:

1)    Per contrastare attivamente l’insorgenza del cattivo odore dei piedi e per rimuovere tutte le cellule oramai morte. Il colluttorio riduce significativamente la carica batterica presente sull’epidermide dei piedi e impedisce che possano creare cattivi odori dopo aver portato delle scarpe chiuse per tutta la giornata in ufficio o in qualsiasi altro luogo. Basta riempire una bacinella di acqua tiepida ma non calda alla quale aggiungerete due tappi di colluttorio. Immergete i piedi in questo pediluvio per una ventina di minuti tutte le sere e potrete dire di aver risolto definitivamente il problema dei cattivi odori e dell’eccesso di presenza di cellule morte sotto la pianta dei piedi.

forfora

2)    Disinfettante. Il colluttorio è un vero e proprio disinfettante che in caso di emergenza può essere adoperato su piccole ferite. A volte capita di tagliarsi accidentalmente con un coltello durante a preparazione dei pasti, con una lametta o con altri oggetti di uso quotidiano. Se non avete a portata di mano alcool etilico potete tranquillamente sostituirlo con un po’ di colluttorio.

3)    Previene l’insorgenza della forfora. Avreste mai pensato di rinunciare al costoso shampoo antiforfora sostituendolo con del semplice colluttorio? Ebbene, provare per credere. Massaggiate il cuoio capelluto con un batuffolo di cotone imbevuto di colluttorio e lasciate agire per qualche minuto. Successivamente lavate normalmente i capelli adoperando uno shampoo dolce e poco aggressivo. Nel giro di pochi giorni inizierete a notare miglioramenti apprezzabili e a liberarvi del problema della forfora. Continua a pagina 2.