piante-repellenti-zanzare

Tra i diversi rimedi naturali a cui è possibile ricorrere per tenere alla larga le zanzare ci sono anche le piante: alcune specie, infatti, fungono da repellenti nei confronti di questi fastidiosi e molesti insetti. Meritano di essere conosciute, dunque, così da sapere quali vasi mettere sul balcone e tenere in casa.

La scienza dimostra che diverse piante sono in grado di tenere alla larga le zanzare: e se anche la loro presenza non dovesse funzionare da deterrente, non si ha nulla da perdere, visto che giardini, balconi e davanzali vengono comunque abbelliti. La sola accortezza a cui è bene prestare attenzione è quella che riguarda chi ha in casa degli animali domestici: alcune di queste piante anti zanzare, infatti, rischiano di essere tossiche, se vengono ingerite, per i cani e per i gatti. Un esempio di pianta utile per tenere le zanzare lontane è l’agerato: è la presenza di cumarina a favorire e amplificare la sua capacità repellente, a patto che la pianta sia esposta per almeno quattro o cinque ore ogni giorno alla luce del sole. Vi sono, poi, delle piante caratterizzate da un profumo che disturba le zanzare e risulta loro sgradito: basti pensare al basilico, che praticamente ognuno di noi tiene in un vaso in casa, o alla catalpa, la cui fioritura si verifica tra il mese di maggio e il mese di luglio, ma anche alla calendula o alla citronella.

In questo elenco meritano di essere inclusi, inoltre, il gelsomino, l’eucalipto e la catambra, che pare avere la capacità di tenere lontane addirittura le zanzare tigre, senza dimenticare i gerani, repellenti non solo per le zanzare ma anche per i moscerini. Da non sottovalutare, infine, la lavanda e la pianta dell’incenso, che si caratterizza per una crescita molto rapida. Ma non è finita qui, perché la lista di piante utili per evitare di essere circondati dalle zanzare propone anche la melissa officinalis, il cui profumo è paragonabile a quello del limone, che viene utilizzata anche per la preparazione di tisane e tè di vario genere. Ottima anche la menta, che però per crescere rigogliosa ha la necessità di luoghi con temperature non troppo alte e, soprattutto, ventilati, mentre la monarda è perfetta in qualsiasi contesto.

Ancora, vale la pena di menzionare il rosmarino e l’erba gatta, nota anche come nepeta, che deve il proprio nome al fatto che attira i gatti in modo evidente. In commercio ci sono anche prodotti contro le zanzare di origine chimica: sarebbe meglio evitarli, però, perché oltre ad essere tossici per l’ambiente risultano tossici anche per l’uomo. Molto meglio puntare su soluzioni green ed ecologiche, a maggior ragione nel caso in cui si abbia a che fare con bambini o donne in gravidanza. In casa, inoltre, potrebbe essere efficace la presenza di un deumidificatore, mentre tra i prodotti naturali che possono essere sfruttati ci sono gli oli essenziali: che si tratti di un olio essenziale all’eucalipto, di un olio essenziale alla citronella o di un olio essenziale al geranio, hanno il pregio di tenere le zanzare ben distanti. Per usarli, è sufficiente bagnare un batuffolo di cotone con qualche goccia dell’olio essenziale che si preferisce, per poi sfregarlo contro la pelle: in alternativa, si può diluire l’olio in un po’ di acqua e inserire la soluzione all’interno di un flacone, in modo tale da nebulizzarla e distribuirla in modo uniforme.

Al di là di queste piante, ci sono altri suggerimenti da mettere in pratica per evitare di essere assediati dalle zanzare e, soprattutto, dalle loro punture, appena fastidiose nei migliori dei casi, addirittura pericolose e dolorose nei peggiori. In primo luogo, è consigliabile evitare di lasciare ristagni e depositi di acqua, poiché è proprio sul pelo dell’acqua che le zanzare depositano le uova e, di conseguenza, hanno la possibilità di riprodursi e di moltiplicarsi. Inoltre, è bene non frequentare, per quanto possibile, le zone umide e ricche di vegetazione, in quanto è proprio da queste parti che gli insetti si annidano.