PATATE GERMOGLIATE: SI POSSONO MANGIARE O NO?

Pagina 1 di 3

patata germogliata 2

Le patate sono davvero gustose e versatili in cucina. Le possiamo gustare cotte al vapore e all’insalata o aromatiche e abbrustolite al forno. O ancora le possiamo usare per preparare un bel gateau o un morbido purè. Spesso acquistiamo le patate in sacchetto da più di un kg: ne facciamo una bella scorta perchè si conservano a lungo in dispensa e quando i bambini (ma anche i grandi!) hanno voglia di patatine fritte non sono mai troppe! Ma il rischio che corriamo è quello di ritrovare le patate germogliate. Piccoli germogli verdi compaiono in superficie e immediatamente il dubbio ci assale: mangiare o no le patate germogliate? Corriamo qualche rischio per la nostra salute? Eliminiamo solo la parte germogliata o buttiamo nella pattumiera tutto il tubero?

E siccome sono anche molti i miti da sfatare sulla presunta tossicità delle patate germogliate, cerchiamo di dare un’adeguata risposta a questa domanda, al se mangiare o meno le patate germogliate. Le patate naturalmente contengono solanina, un alcaloide che troviamo anche in pomodori, peperoni e melanzane e che sono un’ottima difesa naturale contro parassiti e funghi. Se le patate non vengono adeguatamente conservate in un ambiente fresco, asciutto e buio, la concentrazione di solanina aumenta e le patate germogliano prima. Per questo è bene trovare un angolo in cantina o una dispensa non umida per farle mantenere  a lungo. Continua a leggere da pagina 2 >

Pagina 1 di 3