3INTRODUZIONE: CUCINA ALTERNATIVA

Ci sono alimenti tradizionali che hanno ormai varcato le barriere dei paesi d’origine divenendo cibi di tutti e per tutti i gusti. Sono gli alimenti internazionali da fast food. Il “cibo veloce” è un trend di provenienza anglosassone e riguarda prodotti facili da cucinare e da consumare, preferibilmente all’aperto, in movimento, con un servizio minimal. Cibi da menu economico sono diventati gli hamburger, gli hot dog, i sandwich, le cotolette, le patate fritte, le pizze, le piadine, i panini. Tacos, tortillas e burritos messicani entrano a far parte della categoria giudicata severamente da alcuni ma assai gradita ai giovani e a chi va di fretta, abituato a consumare pasti in piedi o in auto nelle brevi pause lavorative. Il modello alimentare proposto dal fast food viene spesso contestato a causa dell’alto contenuto di acidi grassi e di zuccheri raffinati considerati sostanze nocive per la nostra salute in quanto contribuiscono a far aumentare il contenuto di colesterolo nel sangue e il rischio di contrarre malattie cardiovascolari. Cerchiamo di alleggerire il pasto messicano con una ricetta ligth, i Tacos a base di zucca o di zucchine.

In cucina con Tacos e zucchine

La zucca e le zucchine sono ortaggi poveri, che hanno l’acqua come componente principale. A basso contenuto di calorie, di fibre, di grassi e proteine, contengono in compenso acido folico, vitamina C, beta carotene e vitamina A. Oltre che possedere proprietà benefiche per la salute, possono essere coltivate nell’orto di casa in modo biologico, senza utilizzo di concimi chimici ma mettendo in pratica le tecniche del riciclo. Nella compostiera gli avanzi alimentari quotidiani della famiglia realizzeranno un concime naturale utile a far crescere più di una qualità di ortaggi per una cucina prevalentemente vegetariana. La zucca ha inoltre una storia di tutto rispetto nella nostra tradizione ortofrutticola e possiede la duttilità degli alimenti essenziali, facilmente incorporabili in una varietà infinita di preparazioni gastronomiche. L’ARTICOLO CONTINUA DA PAGINA 2 >

INDIETRO